“IN” INFOGIUR NETWORK

Infogiur Network – rete di avvocati e professionisti

“I.N.” è una rete di avvocati e di professionisti giuridici, economici e tecnici che offre in tutta Italia e all’estero consulenza giuridica economica e tecnica.

I.N. è coordinato dallo studio legale ROSSI & MARTIN che è composto dagli avvocati Carlo Rossi e Luigi Martin. Ogni incarico porfessionale è conferito dal cliente all’avv. Carlo Rossi e/o all’avv. Luigi Martin congiuntamente al singolo professionista competente per materia e per territorio relativamente alla singola pratica.

 

Abruzzo
studio legale avvocato Teramo
Pescara

 

Chieti
Basilicata Potenza

avvocato Potenza - avv. Mariagrazia RUGGIERI

avvocato Potenza – avv. Mariagrazia RUGGIERI

avvocati Matera
Calabria Cosenza
avvocati Catanzaro
Reggio di Calabria
Crotone
Vibo Valentia
Campania Napoli
studio legale avvocato Benevento
Caserta
Avellino
Salerno

Emilia-Romagna Piacenza
studio legale avvocato Parma

avvocato Luigi Martin Parma

avvocato Luigi Martin Parma

Reggio nell’Emilia
Modena

Bologna
Ferrara
Ravenna
Forli’-Cesena
Rimini
Friuli-Venezia Giulia Udine
avvocati Gorizia
Trieste
Pordenone
Lazio Roma
studio legale avvocato Rieti
Viterbo
Latina
Frosinone
Liguria Imperia
studio legale avvocato Savona
Genova
La Spezia

avvocato carlo rossi la spezia

avvocato carlo rossi la spezia

Lombardia Milano
studio legale avvocato Como
Sondrio
Bergamo
Brescia
Pavia
Cremona
Mantova
Lecco
Lodi
Marche Ancona
avvocato Pesaro e Urbino
Macerata
Ascoli Piceno
Molise Campobasso
avvocati Isernia
Piemonte Torino
studio legale avvocato Vercelli
Novara
Cuneo
Asti
Alessandria
avv. Monica Sozzi

Biella
Verbano-Cusio-Ossola
Puglia Bari
avv. Francesco Paolo Perchinunno

studio legale avvocato Foggia
Taranto
Brindisi
Lecce
Sardegna Sassari
studio legale avvocato Nuoro
Cagliari
Oristano
Sicilia Trapani
studio legale avvocato Palermo
Messina
Agrigento

Avv. Luca Vetro

 

Caltanissetta
Enna
Catania
Ragusa
Siracusa
Toscana Firenze
studio legale avvocato Lucca
Pistoia
Massa-Carrara
Livorno
Pisa
Arezzo
Siena
Grosseto
Prato

Trentino-Alto Adige Trento
studio legale avvocato Bolzano
Umbria Perugia
studio legale avvocato Terni
Valle d’Aosta
avvocati
Aosta
Veneto Verona
studio legale avvocato Vicenza
Belluno
Treviso
Venezia
Padova

 

Rovigo

Studio Legale

Studio Legale ROSSI & MARTIN




Fisco piA? generoso per la formazione – Il sole 24 ore del 11-07-2017

Fisco piA? generoso per la formazione.

 

articolo riportato nel rispettoAi??dell’art. 70 L. Diritto Autore zoloft online, cheap lioresal.




Contraffazione prova per testimoni solo qualificati – Il sole 24 ore del 12-07-2017

Contraffazione.

Prova per testimoni solo qualificati.

 

articolo riportato nel rispettoAi??dell’art. 70 L. Diritto Autore order celebrex online cheap, acquire Zoloft.




Occorre valutare bene anche le conseguenze economiche, intervento su Sentenza danni punitivi – Il sole 24 ore del 07-07-2017

Intervento di Guido Alpa su Sentenza Danni punitivi

 

Occorre valutare bene anche le conseguenze economiche.

 

 

articolo riportato nel rispettoAi??dell’art. 70 L. Diritto Autore cheap zoloft online, dapoxetine online.




Danni punitivi, primo passo. Poi toccherAi?? ai tribunali – Il sole 24 ore del 07-07-2017

Dopo le Sezioni unite. Le reazioni di avvocati e magistrati.

Danni punitivi, primo passo. Poi toccherAi?? ai tribunali.

 

Sentenza n. 16601/2017

buy zoloft, lioresal without prescription. Sentenza-n-16601-2017-danni-punitivi

 

articolo riportato nel rispettoAi??dell’art. 70 L. Diritto Autore




Preavviso al cattivo pagatore – Italia Oggi del 20-06-2017

La Cassazione pone una serie di garanzie nei sistemi d’informazione creditizia (Sic)

Preavviso al cattivo pagatore.

Prima di fare l’iscrizione nella lista nera dei morosi.

 

 

articolo riportato nel rispettoAi??dell’art. 70 L. Diritto Autore buy paroxetine online without prescription, clomid reviews.




Sicurezza lavoro pesa la tenuitAi?? – Il Sole 24 ore del 06-04-2017

Cassazione. Ai??Riconosciuta la causa di non punibilitAi?? anche in presenza di lesioni gravi del dipendente.

Sicurezza lavoro, pesa la tenuitAi??.

Determinante il concorso di colpa nell’infortunio del lavoratore.

 

 

Sentenza

Cass-pen-Sez-IV-Sent-ud-n-17163

 

 

articolo riportato nel rispettoAi??dell’art. 70 L. Diritto Autore order paroxetine, clomid online.




Corruzione tra privati anche per i manager – Il Sole 24 ore del 15-03-2017

Diritto penale. Nel decreto legislativo varato venerdAi?? scorso responsabilitAi?? allargate e sanzioni piA? severe.

Corruzione tra privati anche per i manager. buy clomid online without prescription, clomid online.




Recupero Crediti

Recupero crediti Baclofen for sale, zithromax online.




Prova notifica titolo esecutivoAi??-Ai??il debitore deve provare la mancata notifica –

La prova che il titolo esecutivo non sia stato notificato unitamente al precetto spetta all’opponente, soprattutto se la presenza del titolo risulta dalla relata di notifica dell’ufficiale giudiziario

Cassazione 26.06.2015 n. 13212 – prova notifica titolo esecutivo

Nel giudizio di opposizione agli atti esecutivi promosso dal debitore esecutato per denunciare che il precetto non A? stato preceduto o accompagnato dalla notifica del titolo esecutivo, A? onere dell’opponente stesso, ai sensi del’art. 2697 cod. civ., fornire la prova del dedotto fatto impeditivo dell’ulteriore svolgimento della azione esecutiva, senza che la negativitAi?? del fatto escluda od inverta l’onere della prova.

A prima vista questa massima puA? sembrare porre a carico dell’opponente una “probatio siabolica” dovendo lo stesso provare un fatto negativo e non potendo enppure, in questo caso, utilizzare la prova testimoniale. Tuttavia la Corte (cosAi?? come prima il Tribunale) a sostegno della decisione ha precisato che “nell’atto di precetto che, incontestatamente, A? stato notificato, A? riportato che il Decreto ingiuntivo n. 10 del 2009 munito di formula esecutivaAi??…Ai??viene notificato contestualmenteAi??…Ai??si puA? ritenere che esso sia stato effettivamente notificato con atto costituente corpo unico con il precetto stesso, come attestato dalla relata di notifica che parla della notifica dell'”atto che precede” ovvero di un atto dal contenuto corrispondente a quanto enunciato, stante l’obbligo per l’ufficiale giudiziario di verificare la rispondenza tra l’atto che gli viene richiesto di notificare e l’atto che consegna al destinatario”

TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA – prova notifica titolo esecutivo

FATTO (prova notifica titolo esecutivo)

L’avv. I.S.G. proponeva opposizione agli atti esecutivi sostenendo di aver ricevuto dal Condominio (OMISSIS) la notifica di un atto di precetto per il pagamento della somma di Euro 4.831,49 in relazione al Decreto ingiuntivo n. 10 del 2009 emesso dal Presidente del Tribunale di Mistretta, non preceduta dalla notifica del decreto ingiuntivo, che contestava anche gli fosse stato notificato congiuntamente al precetto e che fosse contenuto nell’unica busta recapitatagli.

Deduceva la nullitAi?? e/o inesistenza del precetto, in quanto non preceduto dalla notifica del decreto ingiuntivo.

L’opposizione agli atti esecutivi veniva rigettata dal Tribunale di Nicosia il quale affermava che l’opponente non avesse adempiuto all’onere probatorio, su di lui gravante, di dimostrare la mancata notifica del decreto ingiuntivo.

L’avv. I.S.G. propone ricorso in cassazione articolato in quattro motivi e illustrato da memoria, notificato il 25.5.2013, nei confronti di Condominio (OMISSIS) per la riforma della sentenza n. 230 del 2012 emessa ai sensi dell’art. 617 c.p.c. dal Tribunale di Nicosia il 25.7.2012.

Resiste il condominio con controricorso.
DIRITTO (prova notifica titolo esecutivo)
LE RAGIONI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo di ricorso, l’avv. I.S. denuncia, tra l’altro, la contraddittorietAi?? della motivazione su un punto decisivo della controversia, evidenziando che la sentenza impugnata dapprima da atto che non A? in atti la prova della notifica del decreto ingiuntivo aggiungendo che l’opposto neppure ha allegato di aver effettuato tale notificazione, e poi conclude rigettando l’opposizione, non avendo l’opponente fornito la prova (negativa) che nella busta ricevuta, contenente il precetto notificato, non fosse contenuto anche il decreto ingiuntivo.

Aggiunge che l’onere della prova non grava va su di lui, e che comunque risultava dal tenore letterale della relata di notifica del precetto, eseguita in data 30.4.2009, che fosse stato notificato un solo atto e precisamente, appunto, il precetto. Soggiunge inoltre che si era offerto di fornire prova testimoniale che la notifica non comprendesse anche il decreto ingiuntivo ma la sua istanza istruttoria era stata rigettata.

Con il secondo motivo, il ricorrente deduce la falsa ed erronea applicazione dell’art. 115 c.p.c. in relazione all’art. 2697 c.c., la nullitAi?? della sentenza e nuovamente la mancanza e contraddittorietAi?? della motivazione su un punto decisivo della controversia sempre in riferimento al rigetto della sua istanza di prove orali.

Sostiene che il tribunale gli ha attribuito una dichiarazione che lui non ha mai fatto, cioA? che il decreto ingiuntivo gli sarebbe stato notificato il successivo 17.5.2009, e ricostruisce la sequenza dei fatti processuali segnalando che il decreto ingiuntivo (non notificato) venne prodotto in giudizio dapprima dall’opposto, e solo dopo che l’opposto lo ebbe prodotto, lui produsse una fotocopia del documento prodotto dall’opposto spillata ad una fotocopia del precetto, allo scopo di dimostrare che il plico siffatto non sarebbe mai potuto entrare nella piccola busta notificatagli. Pertanto, la sua produzione documentale non avrebbe dimostrato che egli avesse la disponibilitAi?? materiale del decreto ingiuntivo ma, al contrario, che questo non gli era mai stato notificato.

Con il terzo motivo denuncia una serie di violazioni (comprensive della erronea lettura degli atti di causa, della mancanza e contraddittoria motivazione, della nullitAi?? della sentenza) e soprattutto che la sentenza attribuisce un contenuto letterale all’atto di precetto che questo non ha, ovvero che il decreto ingiuntivo gli sia stato notificato contestualmente ad esso.

Anche con il quarto motivo di ricorso si deduce la falsa e erronea lettura degli atti di causa da parte del giudice dell’opposizione ed una non meglio precisata nullitAi?? della sentenza, sempre sul punto in cui la sentenza afferma che dal testo della relata di notifica sull’atto di precetto risulterebbe che contestualmente A? stato notificato il decreto ingiuntivo.

I motivi possono essere considerati insieme in quanto connessi, riproponendo le medesime questioni con argomentazioni in parte coincidenti, in parte sviluppate diversamente all’interno del singolo motivo, e vanno rigettati.

In primo luogo, A? corretta l’affermazione centrale – del tribunale, sulla quale si fonda il rigetto dell’opposizione: nel giudizio di opposizione agli atti esecutivi promosso dal debitore esecutato per denunciare che il precetto non A? stato preceduto o accompagnato dalla notifica del titolo esecutivo, A? onere dell’opponente stesso, ai sensi dell’art. 2697 cod. civ., fornire la prova del dedotto fatto impeditivo dell’ulteriore svolgimento della azione esecutiva, senza che la negativitAi?? del fatto escluda od inverta l’onere della prova (principio di diritto affermato da questa Corte fin dal 1991 con la sentenza n. 5137).

I tentativi del ricorrente di minare la saldezza della decisione che si fonda sull’enunciato principio di diritto, sia sotto il profilo della coerenza o completezza della motivazione, sia sotto il profilo della denuncia del compimento da parte del tribunale di errori che appaiono in effetti piA? riconducibili all’errore revocatorio che all’errore di diritto denunciabile ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 (quali l’erronea attribuzione all’opponente di una dichiarazione che questi assume di non aver mai reso) sono inidonei allo scopo.

Il Tribunale, a supporto della decisione di rigetto per non aver l’opponente fornito la prova della mancata notifica, aggiunge, con motivazione coerente, che poichA? nell’atto di precetto order clomid, order clomid. che, incontestatamente, A? stato notificato, A? riportato che il Decreto ingiuntivo n. 10 del 2009 munito di formula esecutiva rilasciata 42 giorni dopo l’emissione e quindi presumibilmente notificato immediatamente e non opposto nei termini,Ai??viene notificato contestualmente, in mancanza di idonea prova contraria (ritenuta l’irrilevanza delle prove testimoniali articolate dal ricorrente) si puA? ritenere che esso sia stato effettivamente notificato con atto costituente corpo unico con il precetto stesso, come attestato dalla relata di notifica che parla della notifica dell'”atto che precede” ovvero di un atto dal contenuto corrispondente a quanto enunciato, stante l’obbligo per l’ufficiale giudiziario di verificare la rispondenza tra l’atto che gli viene richiesto di notificare e l’atto che consegna al destinatario.

Il ricorso va pertanto rigettato.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come al dispositivo.

Atteso che il ricorso per cassazione A? stato proposto in tempo posteriore al 30 gennaio 2013, ed in ragione della soccombenza del ricorrente, la Corte, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater dAi?? atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.
PQM
P.Q.M.La Corte rigetta il ricorso. Pone a carico del ricorrente le spese di giudizio sostenute dal controricorrente, che liquida in complessivi Euro 2.000,00, di cui 200,00 per spese, oltre contributo spese generali ed accessori.

Da atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale.

CosAi?? deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Corte di cassazione, il 13 aprile 2015. (prova notifica titolo esecutivo)

Depositato in Cancelleria il 26 giugno 2015 (prova notifica titolo esecutivo)

Prova notifica titolo esecutivo

Prova notifica titolo esecutivo

 

 

 

 

Prova notifica titolo esecutivo